Nuovo malware si nasconde nei registri eventi di Windows

Una nuova campagna sfrutta malware fileless iniettati nel file system di Windows. Tecniche e strumenti sono talmente avanzati da far pensare a un APT.

Business Vulnerabilità

A febbraio 2022 è stata osservata per la prima volta una campagna malevola che sfruttava la tecnica di inserire lo shellcode nei registri eventi di Windows. Questo ha permesso al threat actor di iniettare un malware fileless nel file system e di mettere in atto un'azione che sfruttava varie tecniche e moduli, così da mantenere nascosta la propria presenza il più a lungo possibile.

Fra questi figuravano moduli dropper che applicavano anche delle patch alle funzioni API native di Windows relative al tracciamento degli eventi (ETW) e all'Anti-Malware Scan Interface (AMSI). Inoltre, in fase di ricognizione iniziale gli attaccanti usavano un dominio web C2 che imitava quello legittimo, e server privati virtuali su Linode, Namecheap, DreamVPS.

Sono inoltre state impiegate molte soluzioni anti rilevamento, fra cui alcuni moduli firmati con un certificato digitale che all'analisi si è rivelato falso. Sul fronte dei trojan dell'ultimo stadio, rispondevano all'appello alcuni basati su HTTP e named pipe, RAT per la memory injection, diversi strumenti di pentesting commerciali come Cobalt Strike e il set di strumenti NetSPI (l'ex SilentBreak).


A tracciare la catena di infezione di questa campagna sono stati i ricercatori di Kaspersky, che hanno esposto tutti i dettagli in una pagina dedicata con tanto di Indicatori di Compromissione, dopo avere analizzato un campione del malware sul computer di un cliente. Tale malware faceva parte di una campagna "molto mirata".

Un attaccante tecnicamente avanzato

Tecniche e moduli messi in campo nella campagna sono stati definiti "impressionanti" gli esperti hanno il forte sospetto che si tratti di un APT. È fuori discussione l'abilità nell'avere sfruttato moduli personalizzati, oltre a strumenti commerciali.


L'indagine ha monitorato la fase iniziale dell'attacco, quando la vittima è stata indotta con l'inganno a scaricare un archivio RAR dal servizio di condivisione file file.io. In seguito l'attaccante ha messo in campo il modulo Cobalt Strike firmato con un certificato emesso dalla fantomatica azienda Fast Invest ApS. Nella maggior parte dei casi, lo scopo ultimo del malware mirato era esfiltrare dati sensibili dalle vittime.


Le indagini condotte finora non hanno evidenziato coincidenze con campagne associate ad APT noti. Per questo al momento la nuova attività è monitorata come SilentBreak, dal nome dello strumento più utilizzato nell'attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter