Italia quinta al mondo per attacchi malware

A maggio l’Italia resta prima in Europa per attacchi ransomware e malware.

Vulnerabilità

Continua il trend negativo per l’Italia nel contesto europeo della cybersecurity. Anche a maggio 2022, infatti, il Belpaese risulta primo in Europa per attacchi ransomware e malware. Inoltre, si mantiene nelle prime posizioni degli stati più bersagliati anche a livello globale. I dati emergono delle analisi della Smart Protection Network, la rete di intelligence globale di Trend Micro.

Sul fronte del ransomware, nel mese in analisi Trend Micro ha intercettato complessivamente 1.336.000 attacchi ransomware. Il Paese più bersagliato resta il Nord America, a cui è approdato il 19,82% degli attacchi. Seguono Turchia (12,13%), Giappone (5,81%), Taiwan (5,73%) e India (5,71%). Subito a ridosso della top 5 troviamo appunto l’Italia, che con una percentuale di attacchi subiti del 4,44% è il primo Paese europeo in lista.

La situazione è addirittura peggiore se si passa all’analisi dei malware. Anche qui l’Italia è prima in Europa, ma nel ranking mondiale si inserisce al quinto posto della top 5 dopo Giappone (127.120.942), Stati Uniti (77.384.579), India (24.534.066) e Brasile (22.617.407). I malware intercettati nel nostro Paese a maggio sono stati 17.396.690.


Questi dati devono far riflettere. Il continuo e inarrestabile progresso della digitalizzazione espone tutti gli utenti, privati e aziende di qualsiasi dimensione, a un crescente rischio informatico. Per definizione tutto ciò che è connesso alla Rete è vulnerabile, che sia esso un servizio o un dispositivo. Il fatto che l’Italia sia sul podio pone tutti i cittadini davanti alla realtà della scarsa consapevolezza verso i rischi informatici. Una consapevolezza che deve partire dalla base dell’utenza, perché aziende e istituzioni sono costituite proprio da milioni di singoli utenti che aprono messaggi, condividono contenuti e usano dispositivi, senza comprendere i rischi che ne conseguono.

È di questo che approfittano i cyber criminali, che sono abili, ma comunque mirano al massimo profitto con il minimo sforzo. Altrimenti detto: è più facile colpire aziende pubbliche e private scarsamente difese, piuttosto che l’opposto. Per questo, benché l’Italia non sia la quinta potenza economica mondiale, è costantemente sotto attacco, soprattutto nei settori critici come PA, sanità, tech, manifatturiero e banking.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter