▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Qbot è il malware più diffuso in Italia a marzo

Vecchie conoscenze tornano a colpire l’Italia: il malware Qbot ed Emotet, questa volta diffuso tramite email di spam con allegati OneNote per aggirare il blocco delle macro di Office.

Vulnerabilità

Nel mese di marzo Qbot si è confermato il malware più pericoloso in Italia, con un impatto del 14% sulle aziende. Al secondo posto si è classificato Blindingcan con l’8%. Continua a preoccupare Emotet, che si è classificato al quarto posto con una percentuale di impatto (5%), che è maggiore rispetto a quella globale (4%). Sono questi i dati salienti per l’Italia inclusi nel Global Threat Index di marzo redatto da Check Point Software Technologies.

Anche a livello globale Qbot è stato il malware più diffuso il mese scorso, con un impatto di oltre il 10% sulle organizzazioni, seguito da Emotet e Formbook con un impatto globale del 4%. In tutti i casi parliamo di vecchie conoscenze. Qbot è già stato primo in classifica nel passato recente. Noto anche come Qakbot, è un banking trojan apparso per la prima volta nel 2008, progettato per rubare le credenziali bancarie e le sequenze di tasti dell'utente. Spesso distribuito tramite email di spam, e impiega diverse tecniche anti-VM, anti-debug e anti-sandbox per ostacolare l’analisi ed eludere la detection.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Emotet non ha certo bisogno di presentazioni, è un trojan avanzato, auto-propagante e modulare. In passato veniva sfruttato come banking trojan, ora viene utilizzato come distributore di altri malware o per campagne malevole. Utilizza diversi metodi per mantenere la persistenza e tecniche di evasione per evitare la detection. Inoltre, può diffondersi attraverso email di spam contenenti allegati o link dannosi.


Fra le opzioni esplorate dagli attaccanti per diffondere Emotet e distribuire file malevoli sembra stia andando per la maggiore quella di spedire email contenenti un file OneNote malevolo. Ovviamente l’esigenza è legata alla decisione di Microsoft di bloccare le macro di Office. Nell'ultima campagna tracciata da Check Point una volta aperta l’email viene visualizzato un messaggio che induce la vittima a cliccare sull’allegato, scaricando Emotet.

Gli autori del report hanno come sempre completato il report con i dati relativi ai settori più interessati dagli attacchi e alle vulnerabilità più sfruttate. Quanto ai vertical, in Italia sono finiti nel mirino i comparti Education/Research, Government/Military e Finance/Banking.

Quanto alle falle, “Apache Log4j Remote Code Execution” è stata la vulnerabilità più sfruttata, con un impatto sul 44% delle organizzazioni a livello globale, seguita da “HTTP Headers Remote Code Execution” con il 43% e “MVPower DVR Remote Code Execution” con un impatto globale del 40%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter