Nuova botnet bersaglia dispositivi IoT e server Linux

Kaiji è un nuovo malware di matrice cinese per la creazione e l'ampliamento di botnet. Lo sviluppo non è terminato, in futuro potrebbe diventare insidiosa.

Business Consumer Vulnerabilità
Un nuovo malware di matrice cinese è stato sviluppato appositamente per infettare server basati su Linux e dispositivi IoT, quindi usarli per lanciare attacchi DDoS. A scoprirlo sono stati i ricercatori di Intezer, che l'anno soprannominato Kaiji.

La particolarità di questa nuova minaccia è che è scritta nel linguaggio di programmazione Golang. Una rarità in quest'ambito, dove la stragrande maggioranza dei malware IoT è scritta in linguaggio C o C ++. Non solo. In genere i nuovi malware sono frutto di codici già presenti online, riadattati o mixati a seconda delle necessità criminali. È raro che un cyber criminale si prenda la briga di scrivere da zero il codice di un malware, a maggior ragione di una botnet. Ma è quello che è accaduto con Kaiji.
kaiji botnetLa diffusione di Kaiji avviene mediante attacchi brute force contro dispositivi IoT e server Linux che hanno la porta SSH esposta su Internet. La cattiva notizia è che è già attivo in tutto il mondo. Quella buona è che non è in grado di utilizzare exploit per infettare dispositivi senza patch. Almeno nella versione attuale.

Attualmente, la botnet prende di mira solo l'account "root". Il motivo è che necessita dell'accesso root ai dispositivi infetti per manipolare i pacchetti di rete grezzi e usarli per sferrare attacchi DDoS e altre operazioni. Una volta ottenuto l'accesso all'account root di un dispositivo, Kaiji lo usa in tre modi. Prima di tutto per gli attacchi DDoS. Poi per condurre altri attacchi brute force contro altri dispositivi. Terzo, per rubare qualsiasi chiave SSH locale e diffondersi ad altri dispositivi gestiti dall'account root.
botnet kaijiSecondo i ricercatori questa botnet è tuttora in fase di sviluppo. Gli esperti hanno notato che mancano funzioni presenti nelle botnet più affermate. Inoltre, nel codice è presente una stringa "demo". Il modulo rootkit esaurisce spesso la memoria del dispositivo, causando un arresto anomalo. E i server di comando e controllo di Kaiji spesso vanno offline, lasciando i dispositivi infetti esposti al dirottamento di altre botnet.

Non è detto che i numerosi limiti attuali non possano essere superati in futuro. Allo stato attuale Kaiji non sembra una minaccia. Ma non significa che non lo sarà in futuro. I ricercatori ne stanno monitorando l'evoluzione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori