SecurityOpenLab

Frodi in aumento, serve l'autenticazione biometrica

Nuance Communciations mette l'accento sulla necessità di ampliare il più possibile l'uso dell'autenticazione biometrica. Contrasta le frodi e ispira fiducia ai consumatori.

Quanto accaduto con l'autenticazione a due fattori di Office 365 fa comprendere l'evoluzione degli attacchi informatici. E l'esigenza di adottare soluzioni più solide per l'accesso ai dati. In realtà un'opzione esiste già, è l'autenticazione biometrica.

Potrebbe mettere al riparo da attacchi di credential stuffing e a tentativi più o meno sofisticati di accedere a dati e informazioni sensibili degli utenti.  Per fare il punto della situazione, Nuance Communications ha riassunto i limiti dei metodi di autenticazione tradizionale.
sicurezza datiRiguardano sia i classici username e password, sia le acclamate tecniche OTP (One Time Password) che chiamano in causa anche il riscontro via SMS. Nel 2019, primana che la pandemia prendesse il sopravvento e si moltiplicassero gli attacchi, le frodi con violazione di credenziali costarono 5 miliardi di dollari a livello globale.

Nel 2019 il 24% degli utenti è stato vittima di frode. La causa è stato l'uso di password inefficaci. La perdita media è stata di 2.000 dollari per utente. Alla luce di quanto sta accadendo con l'emergenza sanitaria, tutte queste cifre sono destinate a crescere. Le perdite economiche colpiranno le aziende, e non saranno solo economiche. Il 62% dei consumatorisi dice pronto a cambiare fornitore di servizi se dovesse subire una truffa attraverso il suo utilizzo.

La biometria

È a questo punto che dovrebbe dovrebbe entrare in gioco la biometria. È di fatto l’evoluzione più prossima dell’autenticazione digitale. È già diffusa sugli smartphone, dovrebbe ampliarsi anche a livello aziendale proprio per la prevenzione di frodi informatiche.

Al momento non è suscettibile di manomissioni alla stregua dei metodi di sicurezza knowledge-based. Qualche tempo fa Kaspersky aveva messo in dubbio la sicurezza dei sistemi di custodia dei dati biometrici, ma non dei dati stessi.

Quello che non tutti sanno è che l'impronta digitale non è l'unico sistema di autenticazione biometrica esistente. Un'alternativa semplice da usare è la voce umana. È unica, come le impronte digitali. E grazie a sofisticati algoritmi che analizzano oltre 1.000 caratteristiche del parlato proprie di ciascun individuo, è possibile usare la voce di un utente non solo per validarne l’identità, ma anche per proteggerlo dagli attacchi hacker.
pericoli it identificazioneUn ulteriore livello di protezione è costituito dalla biometria comportamentale. Si tratta di una tecnologia che misura l’interazione degli utenti con il dispositivo in uso. Ossia il modo in cui digitano i caratteri, toccano lo schermo, fanno scorrere le dita. Persino il modo in cui tengono in mano il dispositivo (nel caso di uno smartphone) permette di identificare se l'utente è effettivamente chi sostiene di essere.

Secondo Nuance sono questi elementi a cui bisogna guardare. In abbinamento con tecnologie quali crittografia end-to-end. Si otterrebe così un'autenticazione multifattoriale che potrebbe rappresentare un efficiente scudo antifrode per le aziende.  In più, il 36% dei consumatori si dice favorevole a interfacciarsi con aziende che offrono la biometria. Il 25% auspica un più diffuso utilizzo di tale tecnologia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 20/05/2020

Tag: furto di identità identity management frode biometria nuance communications


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore