SecurityOpenLab

Foodora: esposti i dati di 727.000 clienti, anche italiani

I dati di 727.000 clienti Foodora sono finiti online a seguito di un data leak. Sono già iniziate le campagne di spam ai danni delle vittime.

Delivery Hero, proprietario del servizio di consegne di cibi a domicilio Foodora, ha subito un data breach che ha portato alla diffusione pubblica dei dati di 727.000 clienti di 14 paesi in Tutta Europa, tra cui l'Italia. I dati esposti comprendono nomi utente, numeri di telefono, indirizzi, nomi completi, posizioni e password criptate. Fortunatamente la refurtiva non include i dati delle carte di credito.

Il nome Foodora a molti italiani non è familiare, perché a ottobre 2018 Foodora Italia è stata ceduta al gruppo spagnolo Glovo. Il sito Data Breach Today riferisce che i dati sottratti a Foodora sono finiti online il 19 maggio scorso su un noto forum di dati rubati e su altri canali.
foodora
Delivery Hero ha confermato l'avvenuto data leak: "Purtroppo, possiamo confermare una violazione dei dati relativi alle informazioni personali che erano in archivio nel 2016 e che provengono da alcuni nostri mercati attuali e precedenti".

Gli attaccanti sono tuttora sconosciuti. L'azienda ha avviato un'indagine interna approfondita e ha allertato le autorità competenti. Gli addetti alla cyber security stanno lavorando con le autorità locali per identificare il problema che ha permesso ai cyber criminali di introdursi nei server e sottrarre le suddette informazioni sensibili.
Le violazioni dei dati più devastanti del 21° secolo - Le violazioni dei dati che interessano milioni di utenti sono comuni. Ecco alcune delle violazioni più gravi e peggiori della memoria recente.
La pubblicazione consiste in una serie di file SQL con i dati raggruppati per Paese, ed etichettati come "CustomerAddress" e "Customers". Gli indirizzi email delle vittime sono già bersagliati da campagne di phishing.

Troy Hunt, ideatore del sito Have I Been Pwned, sottolinea che il 73% dei dati oggetto di questo data leak era già incluso nel suo servizio online. Ricordiamo che questo servizio gratuito è una delle soluzioni migliori per controllare se la propria email è stata oggetto di furto di dati, sarebbe bene usarlo spesso. 

Chiunque sospetti di essere coinvolto in un data breach dovrebbe cambiare il prima possibile la password del servizio sospetto usando una chiave complessa e del tutto differente dalla precedente. Se la stessa password è stata usata per più servizi, si dovranno cambiare tutte seguendo la stessa logica di impostazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 18/06/2020

Tag: data leak data breach cyber security


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore