Scuole e università bersagliate dallo spear phishing

Una ricerca di Barracuda rivela che le scuole e le università sono più a rischio delle aziende di cadere vittime di attacchi BEC.

Business Vulnerabilità
La curva dei contagi da COVID-19 è tornata a crescere, la didattica a distanza è tornata a tormentare gli studenti. Puntualmente i cyber criminali si sono adattati per incassar un tornaconto e hanno ripreso a bersagliare studenti e docenti con cyber attacchi. A questo giro lo strumento più in voga è lo spear phishing, il phishing mirato.

Secondo i ricercatori Barracuda, in questo momento storico scuole e università rischiano il doppio di un'azienda di cadere vittime di attacchi BEC. Più di un attacco su 4 rivolto contro le scuole è di tipo Business Email Compromise. È un dato inedito dato dalla congiuntura epidemiologica e dalle soluzioni digitali messe in atto per tamponare la situazione.

L'obiettivo, come in tutti gli attacchi BEC, è fare cassa. L'esempio lampante è quanto accaduto in Svizzera qualche settimana fa: i cyber criminali sono riusciti a farsi accreditare gli stipendi dei docenti di diversi atenei. Non è un caso isolato: negli USA i cyber criminali hanno intascato 2,3 milioni di dollari destinati a un fornitore. In Kentucky un raggiro simile ha fruttato alla criminalità 3,7 milioni di dollari. Gli attacchi si sono intensificati a settembre con la ripresa delle lezioni e ora che la DAD è tornata a farsi sentire aumenteranno ulteriormente.

threat spotlight oct2020 image 2

Come difendersi

Quasi tutti gli attacchi provengono da account Gmail, che sono facili da attivare, sono gratuiti e godono di buona reputazione. È quindi bene prestare attenzione alle email che si ricevono, quando non fanno capo ad account aziendali. L'attenzione dev'essere ancora più alta quando l'indirizzo sembra legato a figure istituzionali scolastiche, come il preside: è un trucco per conquistare la fiducia della vittima.

L'altro campanello d'allarme è il senso di urgenza instillato fin dall'oggetto della comunicazione. È tipico di tutti i raggiri: non bisogna farsi prendere dalla fretta. L'altra costante è quasi sempre il COVID, il grande classico della prima ondata pandemica. Proprio per questo, quando capitano email con aggiornamenti sul Coronavirus, riunioni sulla pandemia organizzate per il personale scolastico e simili è bene verificare con una telefonata prima di cliccare su link o allegati.

threat spotlight oct2020 image 1
Il problema più difficile da gestire riguarda gli account compromessi.  I ricercatori Barracuda hanno esaminato i messaggi malevoli e hanno scoperto che circa un messaggio su quattro è stato inviato da account email interni. La percentuale è significativamente più alta per le scuole (57%). Si tratta di account di cui i cyber criminali hanno rubato le credenziali con precedenti attacchi. Impersonando l'utente legittimo, scatenano nuovi attacchi molto efficaci perché tutti tendono a riporre fiducia nel collega

È pertanto necessario adottare protezioni contro gli attacchi di phishing mirati, usando strumenti che sfruttano l’Intelligenza Artificiale per identificare mittenti e richieste inusuali. Inoltre, bisogna attivare con urgenza dei provvedimenti contro il furto degli account, o account takeover.

Non ultimo, sono necessari corsi di formazione che mettano tutto il personale scolastico nella posizione di conoscere le minacce informatiche e saperle gestire in maniera efficace. Ricordiamo poi che la best practice per ostacolare gli attacchi BEC è coinvolgere più persone nelle transazioni di denaro, e confermare tutto con una telefonata.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori