Il ransomware Ryuk ora si auto propaga in rete

Scoperta una nuova variante del ransomware Ryuk che gli permette di auto propagarsi a tutti i computer collegati alla rete infetta.

Business Vulnerabilità
Una nuova variante del ransomware Ryuk ha una funzionalità che gli consente di auto-diffondersi ad altri dispositivi sulla rete locale. La scoperta è dell'Agenzia Nazionale francese per la sicurezza informatica ed è emersa nel corso di un'indagine su un attacco di inizio anno.

Il ransomware Ryuk è noto sia per gli ingenti guadagni che porta nelle casse dei criminali informatici, sia per lo sviluppo continuo che ha permesso di recente di renderlo capace di sfruttare la falla Zerologon di Windows. Gli operatori non fanno capo a un unico gruppo, ma sono affiliati che vengono reclutati con il modello Ransomware-as-a-Service.

L'indagine di ANSSI (Agence Nationale de la Sécurité des Systèmes d'Information) ha rilevato un'altra caratteristica inedita e potenzialmente devastante per le vittime. “Attraverso l’uso di attività pianificate, il malware si propaga – da macchina a macchina – all’interno del dominio Windows” con la conseguenza che "una volta lanciato, si diffonderà su ogni macchina raggiungibile sulla quale è possibile un accesso RPC (Remote Procedure Call) di Windows".
ransomwareL'attività di indagine ha permesso di scoprire nel dettaglio quello che accade. Una volta ottenuto l'accesso a una rete, la nuova variante di Ryuk elenca tutti gli indirizzi IP nella cache ARP (Address Resolution Protocol) locale. Quindi invia a ciascuno dei dispositivi individuati dei pacchetti Wake-on-LAN. A questo punto mappa tutte le risorse di condivisione trovate per ogni dispositivo, in modo da poterne crittografare il contenuto.

La capacità di Ryuk di montare e crittografare le unità computer remoti era già nota, il nuovo tassello ne espande la portata a dismisura. Significa che può replicarsi autonomamente su tutti i computer connessi alla stessa rete, e crittografare sia le loro unità sia quelle delle macchine remote ad esse connesse.

Gli investigatori francesi hanno inoltre scoperto che "la variante Ryuk dispone anche di funzionalità di auto replicazione. La propagazione si ottiene copiando l'eseguibile sulle condivisioni di rete identificate. Questo passaggio è seguito dalla creazione di un'attività pianificata nel computer remoto. [..] Per questa copia sono stati identificati alcuni nomi di file: rep.exe e lan.exe".

Come bloccare l'escalation

Secondo ANSSI esiste un modo per bloccare l'infezione di altri host sulla rete. Consiste nel modificare la password dell'account di dominio che la variante sfrutta per l'auto propagazione, o addirittura nel disabilitare l'account utente che viene sfruttato.

Questo, secondo i ricercatori, "indurrebbe molti malfunzionamenti sul dominio e molto probabilmente richiederebbe molti riavvii. Tuttavia consentirebbe di contenere immediatamente la propagazione".  Maggiori informazioni sugli indicatori di compromissione associati a questa nuova variante Ryuk sono disponibili nel report completo.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 03
Exclusive Tech Experience 2022 - Milano
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 08
Exclusive Tech Experience 2022 - Roma

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter