SecurityOpenLab

Cyber sicurezza: le previsioni di Eset per il 2020

Gli esperti di sicurezza di Eset pubblicano le loro previsioni per la cyber sicurezza nel 2020. Attenzione a tecnologie esordienti, apprendimento automatico, deep fake e privacy.

Fine anno è tempo di bilanci, e soprattutto di previsioni sull'anno che sta per iniziare. Sui bilanci ormai abbiamo letto e sentito di tutto. Fra ransomware, truffe finanziarie e attacchi all'IoT, il 2019 è stato un anno impegnativo per la cyber sicurezza. Sul fronte delle previsioni, sono note quelle di Kaspersky e di Check Point, che allertano su possibili attacchi a settore finanziario, governi, infrastrutture critiche. Gli esperti di Eset si concentrano invece sulle tecnologie emergenti per intessere il panorama delle potenziali minacce del 2020.

Guardando indietro, Eset rileva la crescita esponenziale dei dispositivi smart e IoT, sia in azienda sia nelle Smart City. È sulla sicurezza di queste categorie in espansione che allertano gli esperti. I vantaggi che offrono sono indiscutibili. In azienda l'IoT aumenta l’efficienza operativa e fa risparmiare milioni di euro. Nelle città le soluzioni smart miglioreranno la vita dei cittadini. Il problema è che le tecnologie esordienti sono anche vulnerabili. La domanda che si pone Eset è se città e aziende siano pronte ad assumersi la responsabilità dei rischi connessi alle nuove tecnologie.
iot 3404892 1280 1Rischi che emergono in un'era in cui l’apprendimento automatico è sempre più diffuso sia per fronteggiare le minacce sia per diffonderle. È presto per capire quale delle due parti avrà la meglio. Probabilmente a fine 2020 avremo le idee più chiare.

Altra incognita del 2020 è il deepfake, che può essere sfruttato per danneggiare la reputazione di personaggi pubblici o per influenzare l’opinione pubblica. A tale riguardo, Eset spiega che il primo banco di prova importante saranno le prossime elezioni presidenziali statunitensi. Le notizie false potrebbero agire come brogli elettorali. Potrebbero essere diffuse da avversari politici come anche da Stati stranieri.
artificial intelligence 4417279 1280 1Qualche certezza in più c'è sul fronte della privacy. Lo scandalo Cambridge Analytica ha fatto storia e ha dato il via a provvedimenti e leggi concrete per la tutela della privacy. Nonostante questo, è opinione diffusa che questi problemi non vengano affrontati con la giusta solerzia. Nel 2020 potrebbero esserci ulteriori e interessanti sviluppi.

Tutto riconduce al tema centrale della questione: l'esigenza di implementare buone pratiche di sicurezza informatica. Riguarda tutti: aziende, governi, privati cittadini. Tutti devono essere consapevoli dei loro diritti e dei doveri per una migliore protezione dei propri dati. I criminali informatici evolvono continuamente le proprie tecniche, gli strumenti di difesa devono essere sempre aggiornati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 17/12/2019

Tag: cyber security smart building smart city iot privacy eset


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore