Windows Server 2008 senza supporto, ecco il virtual patching

Trend Micro è pronta a fornire alle aziende con versioni obsolete di Windows Server una soluzione per non rinunciare alle patch di sicurezza. È Deep Security, un prodotto di virtual patching.

Business Vulnerabilità
Il problema delle patch di sicurezza è sempre più sentito. Soprattutto dalle molte aziende che hanno (ancora) installata una versione obsoleta di Windows Server 2008 e Server 2008 R2. A far data dal 14 gennaio, come risaputo da tempo, Microsoft ne dismetterà il supporto. Significa che non saranno più distribuite patch gratuite.

Il tempo stringe, le soluzioni ingegnose per proseguire in sicurezza con le attività si moltiplicano. L'automatizzazione è una buona alleata, e si può implementare con software installati sulla rete aziendale, oppure con soluzioni remote come quella oggetto della notizia. Fra le idee più interessanti c'è il “virtual patching”, utile anche per altre situazioni. In sostanza è una soluzione in remoto, in questo caso fornita da Trend Micro sotto il nome di Trend Micro Deep Security. Protegge i server e gli endpoint dalle minacce che sfruttano le vulnerabilità nelle applicazioni critiche e sistemi operativi.
kiru Per chi ha server con sistemi operativi obsoleti è un'opzione da considerare. Promette di mantenere al sicuro Windows Server 2008 anche dalle minacce zero-day. Torna utile anche a chi ha un sistema operativo al passo con i tempi. Come noto, infatti, l'installazione tardiva delle patch aumenta i rischi per le aziende e i costi dei data breach.

I vantaggi comprendono la possibilità per le aziende di avere il controllo sul patch management, di evitare downtime non necessari, di migliorare la compliance ai regolamenti. Inoltre, riduce la necessità di implementare soluzioni alternative o patch di emergenza, senza correre rischi. Questo perché Deep Security è un sistema di prevenzione delle intrusioni di ultima generazione, che si spinge oltre lo spinoso problema delle patch.

Sul fronte dei costi, il produttore promette cifre più abbordabili di quelle che potrebbero essere richieste da Microsoft per la fornitura degli aggiornamenti fuori garanzia. L'unica certezza è che lavorare con software non aggiornati espone le aziende a un alto rischio di attacchi, con danni ingenti in termini di produttività. Anche perché la notizia del cessato supporto è stata recepita forte e chiara dai cyber criminali. Si faranno trovare pronti all'appuntamento con le vulnerabilità che saranno scoperte dopo gennaio 2020.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter