FormBook supera Emotet, è il malware più gettonato dal cybercrime

FormBook è stato il malware più diffuso in agosto a livello globale. In Italia invece spopola il RAT Blindingcan.

Vulnerabilità

Nel mese di agosto Emotet ha allentato la presa sui difensori, dopo una crescita continua nella prima parte dell’anno. Lo spiraglio lasciato da questa minaccia però è stato prontamente colmato da una vecchia conoscenza: FormBook, che riguadagna la prima posizione fra i malware più diffusi. Come sempre i dati sono elaborati da Check Point Research (CPR) sulla base dei dati deI Global Threat Impact Index e della ThreatCloud Map.

Il dato è globale, e la minaccia numero uno è insidiosa in quanto si tratta di un infostealer che colpisce i sistemi operativi Windows e che, una volta distribuito, può raccogliere credenziali e screenshot, monitorare e registrare i tasti premuti, nonché scaricare ed eseguire file in base ai suoi ordini dal server di comando e controllo. Da quando è stato individuato per la prima volta nel 2016, si è affermato sempre più e ormai è distribuito come Malware-as-a-Service (MaaS) nei forum di hacking underground, per le sue forti tecniche di evasione e il prezzo relativamente basso.

In Italia la situazione è lievemente differente, con FormBook che si classifica come secondo malware più comune. La medaglia d’oro ad agosto è andata a Blindingcan. Anche in questo caso si tratta di una vecchia conoscenza, proviene dalla Corea del Nord ed è un trojan ad accesso remoto (RAT) che utilizza diverse tecniche per spacchettare ed eseguire una variante di Hidden Cobra RAT. Il malware è pericoloso per le sue funzioni integrate, che gli consentono di eseguire operazioni da remoto per prendere il controllo del sistema della vittima.


L’insidia maggiore di questa minaccia è che sembra avere la particolarità di saper cancellare le proprie tracce in modo molto efficace, rendendolo quindi difficile da individuare una volta penetrato nel sistema.

Altre minacce

Il mese di agosto ha visto anche un rapido aumento dell'attività di GuLoader, che è risultato essere il quarto malware più diffuso in tutto il mondo. GuLoader, inizialmente utilizzato per scaricare Parallax RAT, è stato poi applicato ad altri trojan di accesso remoto e infostealer, come Netwire, FormBook e AgentTesla. In genere viene distribuito mediante campagne di phishing, che inducono la vittima a scaricare e aprire un file malevolo, consentendo al malware di entrare in azione.


Sul fronte Android la minaccia si chiama Joker, un Android spyware che è tornato in attività e ha conquistato il terzo posto nella classifica dei principali malware mobile del mese di agosto. Una volta installato, Joker è in grado di rubare SMS, contatti e informazioni sul dispositivo, nonché di iscrivere la vittima a servizi premium a pagamento senza il suo consenso. La sua ascesa può essere in parte spiegata dalla sua presenza in alcune applicazioni del Google Play Store.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter