Sicurezza dei dispositivi IoT a rischio, F-Secure rileva un'impennata di attacchi

Gli attacchi ai danni dei dispositivi IoT sono aumentati di 12 volte nel primo semestre 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018.

Business Consumer Vulnerabilità
La mancanza di sicurezza dei dispositivi legati all'Internet of Things (IoT) è l'argomento centrale dello studio di F-Secure intitolato "Attack Landscape H1 2019: IoT, SMB traffic abound". L'azienda specializzata nella sicurezza informatica fa il punto sugli attacchi mirati a violare i dispositivi IoT nel primo semestre del 2019, rapportandoli a quelli dello stesso periodo del 2018.

Quello che è emerso è che il numero di attacchi rilevati da gennaio a giugno di quest'anno è stato dodici volte superiore rispetto a quelli conteggiati nello stesso periodo del 2018. La misurazione è avvenuta tramite la rete globale di honeypot, i server esca appositamente piazzati da F-Secure. Fra i motivi che hanno portato all'impennata di attacchi c'è senza dubbio l'aumento esponenziale del traffico relativo all'IoT, e di conseguenza dei potenziali bersagli.

fsecureI Paesi più colpiti nel primo semestre 2019, a confronto con lo stesso periodo del 2018


Dall'altro lato però ci sono problemi risaputi di sicurezza a cui non si è posto alcun rimedio. Primo fra tutti il fatto che la maggior parte dei prodotti installati utilizza username e password preimpostati in fabbrica, per mancanza di personalizzazione da parte dell'utente.

Gli hacker cercano di sfruttare le vulnerabilità per diffondere principalmente ransomware e trojan per attuare frodi bancarie. Andando nello specifico, la maggior parte degli attacchi (760 milioni di eventi) ha cercato di sfruttare il protocollo Telnet usato dai dispositivi IoT. Nel primo semestre del 2018 gli attacchi di questo tipo registrati furono 611 milioni. Al secondo posto ci sono gli attacchi al protocollo UPnP. Il malware più usato è stato Mirai, che infetta i dispositivi IoT come videocamere IP e router che utilizzano le credenziali preimpostate in fabbrica, e li aggancia a ​​botnet che conducono attacchi DDoS.

tcp udpLe vulnerabilità più sfruttate


In aumento vertiginoso anche gli attacchi verso la porta SMB 445, ampiamente impiegata nelle PMI per condividere file, stampanti, porte seriali e comunicazioni di varia natura tra diversi nodi di rete. In questo gli attacchi vengono sferrati con una vecchia conoscenza, Eternal, a cui facevano capo gli exploit impiegati nel 2017 per diffondere il ransomware WannaCry. Sorprende il fatto che ci siano tuttora in rete milioni di dispositivi che non sono ancora stati messi in sicurezza, considerati i danni registrati con WannaCry. Eternal ha sferrato 556 milioni gli attacchi.

Passando al quadro geografico, i Paesi da cui è partito il maggior numero di attacchi sono stati, nell'ordine, Cina, Stati Uniti, Russia e Germania. Quelli più colpiti sono stati Stati Uniti, Austria, Ucraina, Regno Unito, Paesi Bassi e Italia.

Per evitare soprese spiacevoli è necessario tenere aggiornati i sistemi operativi e i software installati, e sostituire le credenziali preimpostate in fabbrica con password ad alto livello di sicurezza.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Speciale

Coronavirus e sicurezza: proteggersi dal contagio digitale

Speciale

World Backup Day 2020: i consigli per tenere al sicuro i dati

Speciale

Soluzioni anti intrusione per la casa e l'ufficio

Calendario Tutto

Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori