SquirrelWaffle compromette i server Microsoft Exchange

Una singolare campagna sfruttava le falle note di Exchange per avviare catene di contagio interne alle aziende.

Vulnerabilità

SquirrelWaffle, il nuovo punto di riferimento per lo spam dopo l'uscita di scena di Emotet, ha avviato una nuova campagna contro i server Microsoft Exchange sfruttando le note vulnerabilità CVE-2021-26855 (ProxyLogon), CVE-2021-34473e CVE-2021-34523 (ProxyShell). I ricercatori di TrendMicro hanno scoperto la campagna indagando su tre differenti incidenti e hanno spiegato nel dettagliato la tecnica utilizzata per ingannare le vittime aprendo una email dannosa utilizzata come vettore di attacco.

Utilizzando gli exploit noti e già sfruttati a inizio anno da diversi gruppi criminali, gli attaccanti a questo giro hanno prima compromesso i server Exchange, quindi hanno sfruttato l'accesso per rispondere alle email interne dell'azienda. Hanno così creato attacchi che sfruttavano la catena di risposte. In sostanza, ogni messaggio malevolo veniva presentato come il proseguimento di una corrispondenza tra due o più dipendenti.

Questo significa che il percorso delle email era esclusivamente interno alle aziende. E dato che le email non provenivano da un mittente esterno, non erano soggette a controlli o a quarantena e potevano raggiungere indisturbate tutti gli utenti del dominio.


A complicare ulteriormente l'attività di rilevamento è stato anche il fatto che gli attaccanti non hanno utilizzato strumenti per i movimenti laterali e non hanno eseguito malware sui server Exchange. Erano gli allegati dannosi che, se aperti, eseguivano macro dannose di Excel 4.0 che scaricavano sugli endpoint un loader DLL. Questo attivava la connessione con un server remoto di comando e controllo che faceva capo a SquirrelWaffle e avviava il download di malware come Qbot, Cobalt Strike.

La difesa da questa minaccia esiste ormai da mesi: l'installazione delle patch pubblicate a suo tempo da Microsoft per chiudere le vulnerabilità di Exchange.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Controllo degli accessi e degli account

Speciale

Competenze per la cyber security

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori