Kaspersky: adware e stalkeware minacciano la privacy degli utenti mobile

L'indagine "Mobile Malware Evolution" di Kaspersky ha messo in evidenza come adware e stalkware siano le maggiori minacce alla privacy degli utenti mobile. Ecco gli accorgimenti da adottare.

Consumer Vulnerabilità
Quando si parla di cybersicurezza, spesso l'attenzione si concentra su malware e ransomware. Si tende a sottovalutare minacce minori come adware e stalkerware. Sono gli oggetti di interesse del report annuale "Mobile Malware Evolution" condotto da Kaspersky. Quello che emerge è che nel corso del 2019 la diffusione di entrambi è aumenta, mettendo notevolmente a rischio i dati personali degli utenti di smartphone.

Tutto parte dall'assunto che i dispositivi mobile siano il mezzo universalmente usato per tenersi in contatto, tramite email, social network, messaggistica istantanea e altro. Proprio nello smartphone risiedono quindi patrimoni inestimabili di dati personali. I criminali informatici sono notoriamente interessati ai dati, questo è il motivo del dilagare di adware e stalkware.
kasperskyNel dettaglio, i trojan pubblicitari per mobile sono cresciuti a due cifre nel periodo di rilevazione, mentre gli stalkware hanno colpito il doppio degli utenti rispetto al 2018. Gli adware raccolgono informazioni private per mostrare agli utenti banner pubblicitari mirati. A questa attività fastidiosa si unisce quella di furto dei dati sensibili, che vengono trasferiti a server esterni senza il consenso delle vittime.

Gli stalkerware, invece, si installano autonomamente e agiscono in background, "passando" ai cyber criminali informazioni quali la posizione del dispositivo, la cronologia del browser, le foto e altro. Le tecniche di attacco vengono continuamente affinate nel tentativo di aggirare gli strumenti di difesa.

Per tutelarsi, la prima regola è prestare attenzione alle app che si installano: meglio evitate di scaricarle da fonti sconosciute. Tutte le app devono essere costantemente aggiornate ed è consigliata una scansione periodica del dispositivo per verificare la presenza di potenziali infezioni.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter