COVID-19: protezione dai cyber rischi firmata Acronis

La piattaforma Acronis si propone come strumento unico per la gestione delle cyber minacce in tempo di coronavirus.

Business Tecnologie/Scenari Vulnerabilità
Proteggere il mondo digitale è la missione annunciata oggi da Acronis. L'azienda, specializzata in cyber sicurezza, sottolinea come l'emergenza sanitaria abbia reso indispensabile un'azione completa per essere #CyberFit. 

Come ha spiegato Serguei Beloussov, fondatore e CEO di Acronis, tutto parte dalle misure di distanziamento sociale. Hanno obbligato migliaia di lavoratori a lavorare da casa. Improvvisamente sono aumentati i sistemi connessi, il traffico dati e le persone di cui tutelare la privacy. I calcoli stimano 50 miliardi di dispositivi connessi. Con un traffico di dati che ha superato 50 zettabyte.
10La sfida era già difficile, i cyber criminali l'hanno resa più complicata. Hanno fiutato l'opportunità di fare grossi guadagni e hanno incentivato gli attacchi. Sono aumentati gli attacchi ransomware, gli exploit zero-day, e il commercio di strumenti illegali as-a-service. In un parallelo fra la sicurezza sanitaria e digitale, che ha caratterizzato tutto l'evento Acronis, la sicurezza e la protezione sono diventate un'esigenza al pari dell'aria e dell'acqua.

Protezione attiva

Quello che serve è prima di tutto un approccio mentale. In una visione pessimistica si può immaginare un'economia in decrescita perché le persone a casa non producono. E un blocco delle infrastrutture dovuto alla zelante azione della criminalità. Oppure si può optare per un atteggiamento proattivo basato sui fondamentali della cyber sicurezza.

La ricetta di Acronis si converte in 5 passi: sicurezza, accessibilità, privacy, autenticazione e tutela dai cyber rischi. Il primo passo consiste nel disporre di un backup di dati aggiornato e funzionate da usare per ripristinare i dati. L'accessibilità racchiude gli strumenti per accedere ai dati (quindi lavorare) ovunque e in qualunque momento. La privacy è il controllo dei dati: chi li può vedere e vi può accedere. Cinque pilastri, che Acronis racchiude in un unico pacchetto facile da usare, che consente di lavorare in remoto mentre si proteggono dati, applicazioni e sistemi.
Lo Speciale di SecurityOpenLab dedicato alla cyber security durante l'emergenza coronavirus
Uno strumento con cui gestire le vulnerabilità, pianificare la protezione e la corretta igiene digitale per essere #CyberFit. Include strumenti per la valutazione dei rischi, l'allerta, le black list e i filtri degli URL. Ma anche gli strumenti di risposta di Acronis Cyber Engine basati sull'Intelligenza Artificiale. Strumenti per la remediation, primo fra tutti il backup e le patch gestibili da remoto. Oltre a tutti gli strumenti di investigazione per capire che cos'è accaduto, quando si è verificato un problema e come fare in modo che non si ripeta.

Sono tutti concetti ben noti agli esperti di sicurezza aziendali. Con cui ora devono avere a che fare gli impiegati. Proteggere l'ambiente domestico infatti significa non avere un perimetro e appoggiarsi solo a router basilari spesso senza aggiornamenti. A una molteplicità di prodotti, non solo lavorativi, connessi sulla stessa rete. Ad essere in totale assenza di competenze sulla sicurezza informatica, che portano a usare applicazioni non protette (come Zoom).
14In questa circostanza un'applicazione unica che si occupi di tutto è fondamentale per gestire le sessioni in remoto e i workload. Dev'essere proattiva, attiva, reattiva e garantire la privacy. Deve combinare AI e sicurezza, e controllare ogni aspetto, compresi i malware.

È su queste basi che Acronis ha creato i pacchetti di prodotti che propone. E che a suo avviso possono trasformare il cambiamento che stiamo vivendo in un'opportunità. Molti la stanno cogliendo, perché molte aziende hanno iniziato a lavorare online, soprattutto SMB, e si stanno moltiplicando i service provider. Acronis calcola che nel primo trimestre del 2020 il cloud business registra una crescita dell'88% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Come difendersi dalle minacce

Candid Wüest, Vice Presidente della Cyber Protection Research di Acronis, mette l'accento sulle minacce. Sul fatto che i cyber criminali stanno approfittando della situazione, della necessità di informazioni e dell'inesperienza degli utenti. E ricorda le regole da seguire quando si lavora a casa. Cambiare la password del router, usare la VPN per collegarsi all'ufficio, installare software di sicurezza commerciali.
25Proteggere tutti i dispositivi che si connettono alla stessa rete (compresi i prodotti IoT), installare tutte le patch, usare l'autenticazione a due fattori. Stare alla larga dalle email di phishing e, soprattutto, non mescolare lavoro e intrattenimento sugli stessi dispositivi.

Controllare sempre la configurazione di tutte le applicazioni di video e di chat, non pubblicare troppo materiale sui social e fare un backup frequente (possibilmente quotidiano) di tutti i dati. Possibilmente, usare la crittografia per le comunicazioni (vedi Zoom).
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori