SecurityOpenLab

Endpoint: troppi software di sicurezza aumentano i rischi

Semplificare la gestione dell'infrastruttura e il monitoraggio della sicurezza è l'unico modo per ottenere una protezione efficace.

L'eccessiva complessità e l'alto numero di strumenti di monitoraggio e gestione sugli endpoint ostacolano la gestione IT e abbassano la sicurezza. Rendono difficoltosa l'applicazione delle patch e l'immediato rilevamento delle criticità, indebolendo di fatto le difese di cyber security.

Da tempo i produttori di cyber sicurezza insistono su questo argomento, ora c'è la conferma di una ricerca condotta da Absolute. Il tema è quello degli investimenti in sicurezza IT e degli errori commessi da molte aziende nello stanziamento dei fondi: aumentare la spesa per la sicurezza non è una garanzia di sicurezza. 

Sembra una contraddizione in termini, invece è esattamente quello che accade. Ed è la direzione opposta in cui si muovono gli esperti di settore, che caldeggiano l'adozione di una piattaforma unica onnicomprensiva. Le soluzioni integrate semplificano la gestione mediante un'unica console da cui si possono controllare tutti gli aspetti della cyber sicurezza e dell'infrastruttura di rete.
absolute cybersecurity
Inoltre, accade spesso che un sovrannumero di strumenti di gestione e sicurezza sia frutto di una mancata programmazione e di un'errata logica di gestione del rischio. Anziché un piano strutturato per la sicurezza, sviluppato in maniera coerente e organica, si acquistano strumenti con funzioni singole di che vanno a colmare una lacuna. Il problema è che si finisce per sovrapporre molteplici strumenti che creano a loro volta delle falle nella sicurezza.

Ci si ritrova quindi con VPN non aggiornate o non correttamente configurate, quindi pericolose, programmi che mettono a rischio la privacy di dati, utenti e azienda. E, nonostante la sovrabbondanza di strumenti, controlli mancanti o non conformi. Inutile dire che in una situazione come questa l'esposizione al rischio s'impenna e vanifica del tutto gli investimenti fatti.

I rischi di un monitoraggio inefficace sono noti. Ricerche di mercato evidenziano che mediamente l'applicazione delle patch sui dispositivi Windows 10 avviene con tre mesi di ritardo. Il 60 per cento delle violazioni dei dati è conseguenza di vulnerabilità note per quali non sono installate le patch, benché disponibili.
office work studying office working computer work  1Gartner si è occupata di questo annoso problema, e ha concluso che "i consigli di amministrazione e i dirigenti si stanno ponendo le domande sbagliate sulla sicurezza informatica, che portano a stanziare investimenti controproducenti".

La decisione giusta da prendere non è se spendere di più o di meno. È semplificare la gestione dell'infrastruttura e della sicurezza con un piano organico strutturato in maniera coerente, che parta da una solida logica di gestione del rischio.

Non solo: fra i requisiti di cui tenere conto è imperativo la resilienza degli endpoint. Ossia la capacità di segnalare i problemi e di risolverli con gli strumenti in dotazione. Esempi possono essere le sandbox che bloccano autonomamente le minacce per evitare che si diffondano. L'Intelligenza Artificiale che rileva comportamenti anomali delle applicazioni e impedisce che le loro azioni abbiano ripercussioni sul resto della rete.

Il guaio maggiore, infatti, è che l'endpoint non è un oggetto isolato fine a sé stesso. Può costituire la porta d'ingresso per un attacco che blocca l'intera azienda. Per questo i team IT e di sicurezza necessitano di avere costantemente sotto controllo tutti gli endpoint, con strumenti che permettano di monitorare in modo efficace la loro situazione.

Una console di controllo è la soluzione migliore, anche rispetto a molti prodotti dello stesso fornitore, che se non perfettamente integrati non garantiscono il funzionamento senza soluzione di continuità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 29/06/2020

Tag: cyber security endpoint vpn patch windows falle


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore