Interplanetary Storm, la botnet che minaccia Android e Linux

Bitdefender ha rilevato una botnet impiegata come rete di proxy anonima noleggiata su abbonamento. Finora ha coinvolti 9000 dispositivi in 94 Paesi, tra cui l’Italia.

Business Consumer Vulnerabilità
9000 dispositivi, quasi tutti con sistema operativo Android, fanno parte della botnet Interplanetary Storm. I ricercatori di Bitdefender che hanno studiato a fondo questa minaccia hanno concluso che questa particolare botnet ha capacità di backdooring del dispositivo con esecuzione di comandi shell, di attivare la scansione della rete al fine di infettare altri dispositivi).

Tuttavia, l'attività principale di Interplanetary Storm è trasformare i dispositivi infettati in proxy per scopo di lucro. Per comprendere questo punto è necessario fare un passo indietro. Spesso si parla di botnet usate per scatenare attacchi DDoS, per il furto di dati e per l'invio di spam.

Non sono gli unici tipi di botnet. Interplanetary Storm viene usata utilizzata come una rete di proxy anonima e noleggiata utilizzando un modello basato su abbonamento. A questo è dovuta la sua particolarità, che tuttavia non è esclusiva.

bitdefender2
In passato ci sono state altre botnet con lo stesso scopo, basto pensare a dark_nexus, Ngioweb, Gwmndy. La sorpresa dell'indagine di Bitdefender è che finora si partiva dal presupposto che i criminali informatici vendessero l'accesso illegittimo ai dispositivi attraverso forum illegali o sul Dark Web. Interplanetary Storm dimostra invece un modello di business differente: i bot herder si spacciano per un legittimo servizio di proxy su Clearnet.

Dalla mappatura è emerso inoltre che questa botnet è presente a livello internazionale. I Paesi coinvolti sono 94, fra cui Ucraina, Svezia, Italia, Francia, Spagna e Germania. Le vittime registrate al momento sono per lo più in Asia, ma la minaccia è concreta anche in Europa. Dei 9000 dispositivi coinvolti, la stragrande maggioranza ha come sistema operativo Android, circa l'1% Linux e un numero molto contenuto utilizza il sistema operativo Windows. Questi ultimi tuttavia sembra che eseguano versioni più datate del malware.

Nelle forme più recenti, IPStorm si propaga attaccando sistemi basati su Unix (per lo più Linux e Android) che eseguono server SSH rivolti verso Internet con credenziali deboli o server ADB non sicuri. Le tecniche di attacco si sono evolute nel tempo, tanto che gli esperti hanno rilevato oltre 100 revisioni di codice finalizzate a mettere a punto un'infrastruttura sempre più affidabile e stabile.

bitdefender
Altra peculiarità di Interplanetary Storm è che è scritta in linguaggio Golang. Gli ultimi due anni hanno visto un aumento del malware scritto in Golang, e le botnet Linux non fanno eccezione. Emptiness, Liquorbot, Kaiji e Fritzfrog sono tutti esempi di botnet scritte in Golang. Tutte prendono di mira le macchine Linux utilizzando SSH come vettore di attacco.

Sono molte le caratteristiche di questo linguaggio che lo rendono appetibile per gli autori di malware, primo fra tutti la portabilità e la ricca base di codice. Detto questo, la botnet oggetto di questa notizia non segue il modello delle botnet Linux "tradizionali". Ha un design originale, con funzionalità di base scritte da zero.

Inoltre, Interplanetary Storm ha un'infrastruttura complessa e modulare progettata per cercare e compromettere nuovi obiettivi, spingere e sincronizzare nuove versioni del malware, eseguire comandi arbitrari sulla macchina infetta e comunicare con un server di comando e controllo che espone un'API web.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Nov 25
IDC Digital Forum: Multicloud 2020
Nov 26
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori