Pagamento medio dei riscatti ransomware sceso del 40%

Complice il Ransomware-as-a-Service e la consapevolezza delle aziende che pagare il riscatto non dà alcuna garanzia, gli importi pagati per i riscatti sono in calati nel secondo trimestre 2021.

Business
L'importo medio pagato per i riscatti pagati ai gruppi ransomware è diminuito del 40% tra il primo e il secondo trimestre di quest'anno. Il dato emerge dal uno studio di Coveware, che rivela nuove statistiche sui ransomware e osservazioni sullo stato presente e futuro del ransomware.

Il dato è incoraggiante, ma non c'è da festeggiare. I motivi di questo pessimismo sono molti, non ultimo il fatto che un calo si era già registrato a febbraio 2021. Due mesi dopo c'era stata l'ennesima impennata. Significa che l'andamento altalenante degli importi dei riscatti è una caratteristica di questo periodo storico, quindi dopo il calo non è da escludere l'ennesima risalita.

Alti e bassi non sono dovuti a una periodicità negli attacchi, ma a una serie di caratteristiche intrinseche del modello di business evoluto del cyber crime. Nel suo post Coverware attribuisce il dato di questo mese al "numero crescente di gruppi Ransomware-as-a-Service che hanno diluito la concentrazione di attacchi che prima erano controllati da pochi". Inoltre, sono stati meno attivi che in precedenza Ryuk e Clop, fra i gruppi che storicamente richiedono le cifre maggiori per i riscatti.
1+ +ransom+payments@2xRyuk e Clop non hanno chiuso i battenti, semplicemente potrebbero essere in fase di preparazione di nuovi attacchi. La diffusione del RaaS non è una buona notizia, perché grazie a questa novità anche i criminali informatici poco esperti possono sferrare attacchi. Chiedono riscatti più bassi, ma moltiplicano il volume degli attacchi mettendo a rischio un numero maggiore di vittime.
Coverware fa notare anche che l'81% degli attacchi ransomware nel Q2 includeva la minaccia di una perdita dei dati rubati, che è in aumento del 5% rispetto al primo trimestre.

Le buone notizie


Fortunatamente ci sono anche informazioni che lasciano ben sperare. Gli esperti sostengono che inizieranno a farsi sentire gli effetti positivi degli sforzi politici e delle forze dell'ordine per frenare la diffusione del ransomware.

Un ruolo importante è quello delle vittime. Il CEO e co-fondatore di Coveware Bill Siegel ha sottolineato che le vittime stanno iniziando a capire che quando si paga non si ottiene nulla in cambio". Un tempo si pagava per avere il decryptor: se i criminali informatici mantenevano la parola, almeno si poteva tornare a produrre. Oggi la maggior parte dei riscatti viene versata nella speranza che le informazioni rubate non verranno pubblicate o rivendute. Fatto di cui non c'è alcuna garanzia, quindi pagare aumenta solo i costi.
2+ +attack+vectors@2x
Anche i tempi di inattività medi delle aziende vittime sono diminuiti nel secondo trimestre: 23 giorni, in calo del 15% rispetto al periodo precedente. Secondo Coveware questo dato è dovuto a "una percentuale più alta di attacchi che ha comportato solo il furto di dati (e quindi non ha causato alcuna interruzione del business)."

Aggiungiamo che, oltre a politica e forze dell'ordine, è strategica alche l'azione degli esperti di cyber security. Un esempio è quello dell'iniziativa No More Ransom di Kaspersky, avviata nel 2016 con il supporto delle forze dell'ordine. Fin dall'inizio l'obiettivo è di aiutare le vittime di ransomware a ripristinare i propri file. Dopo cinque anni il bilancio è positivo: ha consentito di impedire il pagamento di oltre 900 milioni di dollari di riscatti. Ancora più importante, ha permesso a oltre 6 milioni di persone di scaricare gratuitamente gli strumenti per la decrittazione.

Pagamenti e tendenze


Il pagamento del riscatto medio nel secondo trimestre del 2021 è stato di 136.576 dollari. Sodinokibi, noto anche come REvil, e Conti sono state le varianti predominanti nel secondo trimestre. I vettori di attacco più comuni sono stati le compromissioni RDP e il phishing via email, anche se lo sfruttamento di vulnerabilità software continua a crescere.
ransomware market shareQuello che potrebbe cambiare le carte è una forte attività di formazione verso tutti i dipendenti e collaboratori aziendali, e dei privati cittadini. La conoscenza delle minacce e delle best practice per gestirle è il modo migliore per vanificare la maggior parte dei tentativi di attacco che oggi vanno a buon fine.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Set 30
Webinar Kaspersky - Guai con i ransomware? Volete essere flessibili ma al riparo da attacchi informatici?
Ott 05
VMworld 5-7 ottobre 2021
Ott 12
Webinar Zyxel - Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida"

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori