SecurityOpenLab

Fine anno con il malware, la classifica di Check Point

Botnet e malware per Windows restano in cima alla classifica delle 10 minacce più diffuse. Per la prima volta include anche un trojan mobile per Android.

L'elenco dei 10 malware più diffusi a novembre 2019 include per la prima volta un trojan mobile. La new entry si chiama XHelper ed è un trojan multiuso. È destinato all'ambiente Android, che una volta infetto consente di scaricare altre app infette e visualizzare pubblicità malevole.

Il suo punto di forza è che si tratta di un'applicazione capace di reinstallarsi una volta disinstallata dall'utente, per questo molto insidiosa. Non è un cliente nuovo, è stato avvistato per la prima volta a marzo 2019. Il problema è che da allora è stato costantemente aggiornato. Questo gli ha permesso di eludere gli antivirus mobile e di scalare la classifica fino a raggiungere l’ottavo posto fra i 10 malware più pericolosi.
9b17fdf88fde187e2f87a790aa21 1588329Alla testa della classica resta incontrastata la botnet Emotet. Al primo posto da ottobre, è fortunatamente in calo a livello globale. Purtroppo l'Italia è in controtendenza, e se globalmente ha avuto un impatto sul 9% delle organizzazioni, in Italia ne ha afflitte il 18,28%. Il motivo per il quale Emotet è tanto pericoloso ed efficace è che è auto-propagante e modulare. Viene usato per distribuire di altri malware o campagne dannose. Si può diffondere via email o link e include tecniche di evasione per evitare il rilevamento.

Sempre restando nel Belpaese, gli altri malware più diffusi nel periodo in esame sono stati il trojan Ursnif e Formbook, entrambi per la piattaforma Windows. Insieme hanno avuto un impatto su oltre il 18% delle organizzazioni.

La classifica è opera degli esperti di sicurezza di Check Point Research, che inseriscono al secondo posto XMRig, seguito da Trickbot. Hanno rispettivamente un impatto globale sulle organizzazioni del 9 e del 7 percento. XMRig è impiegato per il processo di mining della criptovaluta Monero. È in circolazione dal 2017. Trickbot è un Trojan bancario flessibile e personalizzabile.
envelope at mail virusQuanto alle vulnerabilità più sfruttate dai cyber criminali, in testa rimane l'SQL injection. È una tecnica rodata che inietta query SQL sfruttando al contempo una vulnerabilità di sicurezza nel software di un'applicazione.

Anche il secondo posto è una vecchia conoscenza. Di parla di una vulnerabilità OpenSSL dovuta a un errore durante la gestione dei pacchetti heartbeat TLS / DTLS. I cyber criminali possono sfruttarla per rivelare il contenuto di memoria di un client o server connesso.

Medaglia di bronzo alla vulnerabilità legata all'esecuzione di codice in modalità remota nei dispositivi MVPower DVR. Un criminale informatico può sfruttarla per eseguire codice arbitrario nel router. Tutti e tre i casi sono esempi pratici dell'importanza di installare sempre le patch e gli aggiornamenti di sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 17/12/2019

Tag: malware android botnet check point software technologies windows trojan


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy